Cavour.info BANCA DI CHERASCO
1931/2021 – Novant'anni fa nasceva il Pilone della Rocca

1931/2021 – Novant'anni fa nasceva il Pilone della Rocca

”Nel mezzo dello spianato del castello, - scriveva nel 1884 Edmondo De Amicis in “Alle porte d’Italia – c’è una piccola cisterna rotonda, quasi tutta piena di sassi e calcinacci, fra cui son mescolate molte ossa umane. Si dice, e non v’è ragione di non crederlo, che siano ossa di cavouresi trucidati dalle soldatesche del Catinat nel 1690…”.
Lo storico pinerolese Arnaldo Pittavino la definiva “l’ossario sulla cima della Rocca” e “quella piccola cisterna rotonda” altro non era che l’antica cisterna del castello, scavata a forma di giara nella viva roccia sottostante e ormai inservibile.
Da tempo, la sezione Combattenti di Cavour, nella persona del Geom. Carlo Perassi, era alla ricerca di una soluzione per onorare quei “resti gloriosi”.
Nel 1925, dopo aver realizzato un modello in gesso di una cappella-ossario disegnata dall’ing. Prospero Peyron (allora deputato provinciale e già autore del progetto del nuovo asilo), l’associazione aveva cercato di far conoscere e illustrare l’iniziativa sulla LANTERNA PINEROLESE, giornale del pinerolese di cui il geom. Perassi era da anni collaboratore.
Già si era ottenuto il terreno dagli eredi dei marchesi Benso di Cavour, ed inoltre il patronato di Giolitti, di Facta,  del Re e del sindaco Imberti.
Le offerte però giungevano troppo a rilento per un opera che ormai si presentava urgente.
“Il fascismo si stava affermando anche nel pinerolese – scriveva Arnaldo Pittavino -, le sezioni dei combattenti si scioglievano, e quella di Cavour aveva preso impegni non indifferenti anche per la strada che doveva portare sulla cima della Rocca.
Nell’aria si intuiva che forse il progetto non sarebbe andato a termine, perché le nuove forze politiche non vedevano di buon occhio le iniziative dei Combattenti, i quali, ad Assisi avevano riconfermato la loro fede nelle insopprimibili libertà costituzionali…”.

Dopo non poche lotte e battaglie, l’idea della cappella verrà abbandonata e sostituita da quella del Pilone, che sarà realizzato dalla ditta Rotelli di Pinerolo “…con disegno del Geom. Sig. Cav. Carlo Perassi, al prezzo di lire 51.500 (cinquantunomila cinquecento)” e con la clausola che “stante la cattiva strada” tutto il materiale di costruzione (acqua compresa), senza distinzione di sorta, venisse trasportato dai piedi della Rocca alla Vetta a spese del Comitato Organizzatore.
Determinante sarà la collaborazione degli Alpini che, con l’ausilio dei muli, provvederanno a tutta l’operazione.
Il pilone verrà inaugurato nel 1931.
Com’è noto, nel 1955, a ricordo dell’anno Mariano, un nuovo comitato di Cavouresi, LA FAMIJA CAVORREISA, collocherà sotto le arcate del Pilone la Statua della Madonna (ved. anche curiosità n. 22) che poggerà su di un altare elaborato dall’arch. Lorenzo Chiaraviglio, nipote dello statista Giovanni Giolitti e, allora, professore di Architettura all’Università di Roma.
Il Geom. Carlo Perassi era scomparso due anni prima.
Dal 1925 era stato eletto dagli eredi Benso procuratore speciale e infra generale per tutto quello che riguardava l’amministrazione delle proprietà immobiliari situate nei territori di Cavour, Bibiana e Barge.
“Mentre lo accompagnavo all’estremo riposo – scrisse ancora Arnaldo Pittavino – pensavo che stavo accompagnando una delle figure più rappresentative della nostra zona, perché scompariva con lui quella vecchia generazione che non ambiva cariche, onori, distinzioni, che amava come nessun’altro il natio loco, che sapeva fare dei sacrifici per gli altri più che per sé, che non adorava il denaro, e viveva di tante piccole ed umili cose, come i poeti.
Ombre e sogni. Un’altra ombra che si aggiungeva alle tante che ci precedono nei regni bui, ma che lasciano a quelli che rimangono, vivido come una fiamma, il ricordo delle loro opere, della loro bontà, del loro esempio, come una stella che si accende lassù ogni notte, fra le altre stelle, sulla vecchia Rocca di Cavour.”


Le immagini rappresentano:
- foto 1: situazione dell'area in cui sorgerà il Pilone prima del 1931
- foto 2: progetto cappella votiva dell'Ing. Peyron
- foto 3: pilone votivo costruito sulla vetta della rocca
- foto 4: foto attuale della Pilone della Vetta della Rocca
 


1931/2021 – Novant
1931/2021 – Novant
Pagine correlate
 Tuttomele 2021 Cavour dal 6 al 14 novembre
23/09/2021
Tuttomele 2021 Cavour dal 6 al 14 novembre
Regolamento e domanda di ammissione
leggi
  ALVEARE  parte la  1^ edizione
18/09/2021
ALVEARE parte la 1^ edizione
TUTTO SUL MONDO DELLE API
leggi
ALVEARE  1^ edizione
18/09/2021
ALVEARE 1^ edizione
Modulo di partecipazione per espositori.
leggi
MANGIARE  A   CAVOUR
16/09/2021
MANGIARE A CAVOUR
Una Gita a CAVOUR per Gustare i prodotti del territorio
leggi
Una  GITA a CAVOUR
19/09/2021
Una GITA a CAVOUR
Approfittando della nuova BIG BENCH n.158 , la GRANDE PANCHINA ROSSO GIALLA DELLA ROCCA di CAVOUR, vi suggeriamo un itinerario per visitare i tesori di CAVOUR
leggi
COME RAGGIUNGERE LA  GRANDE PANCHINA
16/09/2021
COME RAGGIUNGERE LA GRANDE PANCHINA
qui trovate tutte le indicazioni per la BIG BENCH Rosso-gialla N. 158 della ROCCA di CAVOUR
leggi
Caburrum by night
25/09/2021
Caburrum by night
Giornate europee del patrimonio 2021
leggi
Apiarium all
19/09/2021
Apiarium all'Abbazia S. Maria
La laboriosità delle api nell'antica Forum Vibii Caburrum
leggi
Alveare
01/01/2020
Alveare
Manifestazione dedicata al settore dell'apicoltura
leggi
CAVOUR IN PIUME
04/09/2021
CAVOUR IN PIUME
Mostra scambio e mercatino volatili e animali da corte
leggi
CAVOUR  Sere d
07/07/2021
CAVOUR Sere d'estate
Un nutrito programma di eventi per allietare le serate estive a CAVOUR
leggi
Contatto
PROCAVOUR Associazione Turistica PRO LOCO CAVOUR (TO)
Via Roma, 3
10061 - Cavour - Piemonte - Italia
Newsletter
Rimanete aggiornati con la newsletter
di Cavour. Iscrivetevi subito!
Come raggiungerci!